Erice - marketsicilia

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il territorio

La città della pace, qui, a settecento metri di altezza, fra i vicoli acciottolati percorsi dalla storia, russi e americani hanno detto basta alla guerra fredda, qui arabi e israeliani sono chiamati a sancire l'inizio di una nuova era di fratellanza. Erice è anche la citta delle chiese e dei ricordi: qui ogni cosa riporta al tempo che fù, dall'antico castello di Venere attorniato dal giardino del Balio con le sue torri, alla Matrice in stile neogotico che dal XIV secolo sorveglia il mare e l'orizzonte, alle mura elimo-puniche, al quartiere che gli spagnoli iniziarono nel 1600ma non portarono mai a compimento. Affacciarsi da Erice è come spaziare sui ricordi più belli di questa terra. Tra le stradine medievali Erice sembra aver votato alla dea dell'amore e della bellezza ogni singolo metro, ogni singolo minuto dei suoi giorni, così vicini al cielo eppure così misteriosi, avvolti in una nebbia che ci riporta, bambini curiosi, nel mondo delle fate e dei draghi buoni, nel mondo degli dei e degli eroi. A rendere Erice ciò che è, "il paese lontano lontano" delle favole, è il lavoro degli uomini che lungo i tantissimi secoli di storia hanno costruito questo borgo mettendo pietra su pietra, edificando le oltre sessanta chiese che si possono visitare e conservando quanto di più sacro ci sia stato qui per il mondo antico: il castello di Venere, che oggi ci viene tramandato nella sua versione del XII secolo. Da non perdere anche il museo Cordici che ospita il capolavoro "L'Annunciazione" di Antonello Gagini.
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu